6 febbraio 2010

maledetto vizio di versi

Si, devo controllarmi.
Non posso prendere la piega di postare poesie se no prendo il vizio. Ma questa... questa non posso resisterle. Ci sono io, spiacciacata nel mezzo, dissolta tra le righe. Ci sono io tutta intera. E' al grandezza dei grandi questa, parlare all'essere umano, abitarlo di alte emozioni fatte di parole o colori o suoni, dare il volo alla sua anima.
Da domani smetto. Lo giuro.













Girerò per le strade finché non sarò stanca morta
saprò vivere sola e fissare negli occhi
ogni volto che passa e restare la stessa.
Questo fresco che sale a cercarmi le vene
è un risveglio che mai nel mattino ho provato
così vero: soltanto, mi sento più forte
che il mio corpo, e un tremore più freddo accompagna il mattino.

Sono lontani i mattini che avevo vent'anni.
E domani, ventuno: domani uscirò per le strade,
ne ricordo ogni sasso e le strisce di cielo.
Da domani la gente riprende a vedermi
e sarò ritta in piedi e potrò soffermarmi
e specchiarmi in vetrine. I mattini di un tempo,
ero giovane e non lo sapevo, e nemmeno sapevo
di essere io che passavo - una donna, padrona
di se stessa. La magra bambina che fui
si è svegliata da un pianto durato per anni:
ora è come quel pianto non fosse mai stato.

E desidero solo colori. I colori non piangono,
sono come un risveglio: domani i colori
torneranno. Ciascuna uscirà per la strada,
ogni corpo un colore - perfino i bambini.
Questo corpo vestito di rosso leggero
dopo tanto pallore riavrà la sua vita.
Sentirò intorno a me scivolare gli sguardi
e saprò d'esser io: gettando un'occhiata,
mi vedrò tra la gente. Ogni nuovo mattino,
uscirò per le strade cercando i colori.

(Cesare Pavese)

1 commento:

  1. E' una poesia molto bella. Anche a me piace tanto questo mondo.. :) Complimenti per il blog. Il giallo, dicono che sia il colore dei pensieri..

    RispondiElimina