6 ottobre 2010

la mia pelle

La mia pelle s’assetava di brina, mica il cuore


mica il cuore.


Lo sterno serrato, le gambe aperte


scale solo in discesa di pietre grigie e sabbiose


Ero io che punivo l’amore, mica il cuore


mica il cuore.


Nessun commento:

Posta un commento