23 ottobre 2008

Morire succede continuamente.
Ma da vicino è un'altra cosa.
Morire a 13 anni è un'altra cosa.
Morire a 13 anni tanto vicina da essere la migliore amica di mio figlio
è un'altra cosa.

Non so cosa dirgli e piango con lui.
Niente può togliergli il dolore di un'amica che non ci sarà più.

Mio figlio ha 13 anni. Gli sembra impossibile morire a Trieste, a 13 anni, lentamente.

Mi ha chiesto perchè.

Se lo chiederà per tutta la vita.
E nessuno, come me, gli saprà mai rispondere.

Così, semplicemente, piango con lui.

5 commenti:

  1. non ci sono risposte a nessuna età, tanto meno a 13 anni... è solo una grande ingiustizia che fa perdere le speranze, la fede e non ci sono risposte, solo dolore e rabbia e tristezza e incredulità e pianti.... un abbraccio da una navigante che ogni tanto legge il tuo giallo blog e sogna e sorride e viaggia in questo mondo di segreti insieme a te... un abbraccio a te e a tuo figlio che oggi, purtroppo, è diventato piu' grande a causa del dolore...

    RispondiElimina
  2. Capirà, un giorno capirà che non c'è niente da capire, solo qualcosa da accettare.
    Un abbraccio.
    Sonia

    RispondiElimina
  3. Anonima, grazie, le parole senza un volto e senza un nome di solito lasciano un'impronta troppo vaga per me. Ma certe volte invece, è proprio la loro non appartenenza riconosciuta che le rende così sparse per il mondo da sembrare più grandi.Grazie.

    Soy, lo so che hai ragione. Ma non potevo dirglielo, perchè a 13 anni si ha il diritto di credere che ogni cosa ha un senso. Mi sono trovata a dirgli: speriamo che ci sia il paradiso.
    E chi mi conosce sa cosa può voler dire per me.
    Grazie anche a te.

    RispondiElimina
  4. Non si può spiegare al proprio figlio il senso della morte... anche perchè non lo sappiamo neanche noi..
    forse l'unica cosa che possiamo fare è ricordargli che alla morte sopravvivono i ricordi.. ed i ricordi delle persone care ci accompagneranno per sempre..
    Ecco, credo che noi genitori possiamo aiutare i nostri figli a superare il dolore insegnandogli a conservare la memoria di chi se ne và...

    Comunque sono situazioni terribili..
    Mi dispiace, Luca

    RispondiElimina
  5. Da papà mi angoscia il sapere che non potrò far niente per evitare ai miei figli certi dolori. Come tutti i genitori, potendo, preferirei farmene carico io, al posto loro. E invece no, non si può, la vita non va così.
    Che imparino a essere forti, allora.
    Che nemmeno la forza e il coraggio per affrontarla, la vita, si possono trasmettere.
    Un abbraccio a te e a P.
    Ciao, Jamiro

    RispondiElimina