12 febbraio 2011

Magari il buio, tra i fiori



Magari la primavera non mi facesse paura, inquietudine, ansia in tutto il suo risveglio che freme intorno.
Magari non esistessero mattini, soli, e ogni sguardo dietro al vetro fosse calante, nebbioso, fermo.
Magari potessi esimermi dal partecipare ai movimenti, alle gemme, e immobilizzarmi in un muto amplesso tra i fiori, dormiente, costante, sospeso.





Nessun commento:

Posta un commento