22 agosto 2008

Amore/Mare/Terra/Aria

Non lontano dalla città di Kiounju, antica capitale di Silla, in Cina, si narra la storia legata alla “Shrine” chiamata Park Jesang.

Park condottiero, era un discendente del fondatore del regno di Silla , il re Park Hyokkose.
Durante il regno del re Nulijis (420-450), questo re perse due figli che furono presi e portati in ostaggio, uno nel regno di Koguryo (attuale regione nord est della Cina), l’altro in Giappone.
Il nostro Park in ubbidienza al suo re, riuscì prima a portare in salvo il principe Bokho, ma mentre era alla ricerca del secondo principe, venne catturato dai giapponesi e preso anche lui in ostaggio.
Il re giapponese cercò di persuaderlo a rimanere in Giappone al suo servizio, ma Park fedele al suo re accetto le torture brutali. Il re giapponese quando vide che non riusciva a fargli cambiare idea, lo condannò a morte e lo fece bruciare.
Nello stesso periodo, la moglie di Park, in attesa del marito che non ritornava, prese le due figlie ed andò sul monte Chisulryeong per guardare il mare verso il Giappone in attesa del consorte.
E si mise in preghiera.
Secondo la leggenda, la donna, immobile in preghiera e a scrutare il mare, fu tramutata in roccia che ora è chiamata Mangbuseok. Il suo spirito diventò uccello che volava avanti e indietro in quella zona. La popolazione chiamo’ quella donna “madre di dio” e costruì la shrine in memoria della donna e delle figlie.
Nelle dinastie successive, la shrine fu utilizzata come scuola/accademia per la dottrina di Confucio.
Il gruppo di costruzioni in legno, ricostruite piu volte nel tempo è stato designato nel 1997, monumento nazionale n.1.
Ecco la breve storia di una moglie fedele al proprio uomo.
E io la condivido con le mie amiche.

3 commenti:

  1. Grazie Carosella, a me manca solo un uomo al quale essere fedele oppure no...

    RispondiElimina
  2. Ma tu lo sai che canzone mi è suonata dagli altoparlanti stasera, aprendo il tuo blog (last.fm widget)? "Make you feel my love" cantata da Adele...è una bellissima canzone di Bob Dylan, cara. Eh già. Ma dovresti sentire l'originale però, e il disco è un monumento: "Time out of mind".
    Può dare soddisfazioni almeno pari ad un ottimo mascara e il prezzo è simile :)

    RispondiElimina
  3. anch'io più che mai condivido questa storia.
    e anche se penso che può andare meglio nella vita la sostengo pienamente.

    RispondiElimina