21 dicembre 2010

croste di pane e altre piccole cose che fanno morire

Tutta quella gente
che si innamora sui gradini
gettata a caso sul tramonto
come croste di pane,
solo mossa dal vento
e da pochi colombi
che non sai mai chi cade
e chi sorregge, chi si alza
appena
per cercare nelle tasche
un po’ di spazio
- le chiavi e le monete -
e in quel rumore
ritrovarsi
come a un richiamo
di campane.
Ma tu dentro di me
che sono un campo di battaglie
nero di terra, diviso
in due come le labbra
nasci e muori a tuo piacere
ed io con te
ma inversamente.

(Giovanni Catalano)

Giovanni Catalano è un giovanissimo poeta siciliano appena scoperto che mi aiuta a dedicare dei versi nuovi e semplici all' amore di piccole cose. Lo trovo delicato e lieve, come le sue croste di pane.
http://www.giovannicatalano.it/

Nessun commento:

Posta un commento