13 dicembre 2010

L'amore uguale

Ti amo quando piangi

Io ti amo quando piangi
e amo il tuo viso annuvolato e triste.
La tristezza ci unisce e ci divide
senza che io sappia
senza che tu sappia.
Quelle lacrime che scorrono,
io le amo
e in loro amo l'autunno.
(Nizar Gabbani)


Nizar Qabbani, il grande poeta siriano dallo stile elegante, scomparso una decina di anni fa, cantò con raffinatezza l’amore, l’erotismo e la religione. Scrisse dal giorno della morte suicida della sorella maggiore, che si tolse la vita per evitare un matrimonio combinato
“L’amore nel mondo arabo è come un prigioniero e io voglio liberarlo. Voglio liberare l’anima araba, i suoi sensi e il suo corpo con la mia poesia” 
Dissero di lui che era un rivoluzionario. Lo era, ma dell'amore, dell'eguaglianza, del diritto all'amore.

Bene, per me che vivo in un società cosiddetta"evoluta" è già difficile accettare e convivere con le molte diseguaglianze sociali, economiche, culturali. Ma risulterebbe quasi impossibile sposare una realtà dove manchi la libertà d'amare chi si desidera.
Siamo sicuri di esserne lontani?

2 commenti:

  1. Questa poesia è emozionate Alessandra. Non conoscevo questo poeta, ma credo che comincerò a leggere alcune sue poesie. Grazie di avermelo fatto conoscere anche se indirettamente.
    Per quanto riguarda la domanda, vorrei risponderti col mio sonolito pessimismo purtroppo. Non siamo lontani da una cultura fatta di così tanti tabù. Il "mondo" orientale sarà molto più potente di noi e prenderà il sopravvento tra qualche decennio. Io non riuscirei a vivere senza amare. Tutto dentro di me marcirebbe.

    Eleonora

    RispondiElimina
  2. A chi lo dici. Eleonora. Sto vivendo un periodo di grandi "cambiamenti climatici interiori" riguardo a questo. Amore, mi chiedo, cosa significa? E' perdizione, è debolezza, è bisogno? La vita e le esperienze si impuntano per portarmi su queste direzioni. Eppure dentro ancorata non l'utopia, ma la percezione reale di qualcosa che è assolutamente inesprimibile con le parole. Forse solo i grandi poeti riescono a farcene sentire l'aroma lontano.
    Grazie del tuo pensiero.

    RispondiElimina